Consigli e informazioni utili per andare in Francia con il cane

Stai pianificando un viaggio in Francia e vuoi conoscere le regole da rispettare, così come le mete da scoprire con il tuo cane? Leggi il nostro articolo!

La Francia: la Tour Eiffel, Notre-Dame e il Louvre, i caffè e i negozi di alta moda.  Indubbiamente una delle destinazioni europee più gettonate dai turisti di tutto il mondo, italiani compresi. Ma possiamo visitare Parigi, Marsiglia lungo la straordinaria Costa Azzurra, insieme a Saint-Tropez, Nizza e la meravigliosa Corsica, insieme al nostro amico a quattro zampe?

Viaggiare in Francia con il cane è possibile, basta informarsi sulla normativa adottata dai paesi dell’Unione Europea che stabilisce le misure riguardanti il trasporto non commerciale dei nostri amati animali domestici.

Vacanze in Francia con il cane: tutto quello che serve

Stai pensando di andare in Francia con il cane? Quali documenti servono?

Il regolamento dell’UE si pone l’obiettivo di armonizzare le regole sanitarie fra quelli che sono i Paesi membri, in modo tale da apportare alla sanità pubblica tutte le opportune garanzie. In questo caso, un cane che proviene da un Paese appartenente all’UE è ammesso in territorio francese solo se risponde a determinati requisiti sanitari.

Prima di tutto accertati di avere pronto un valido passaporto per animali da compagnia europeo, ottenibile dopo aver somministrato la vaccinazione antirabbica che deve essere fatta almeno 21 giorni prima della partenza e non deve essere vecchia più di un anno.

Il passaporto deve, inoltre, segnalare il trattamento anti zecche, pulci e vermi, eseguito categoricamente da 5 a 1 giorno prima dell’arrivo in Francia.

Ultimo step: assicurati che il tuo amico a quattro zampe sia dotato di un microchip o di un tatuaggio identificativo, e se vuoi portare con te un cucciolo con meno di tre mesi, non vaccinato, devi sapere che per lui è obbligatoria un’autorizzazione generale proveniente dallo Stato Membro di destinazione.

Cani in Francia: razze non ammesse

Insomma, dimentichiamoci di portare il cane in Francia senza passaporto. Ma non è finita qui, perché il regolamento vigente tiene conto anche della razza, attribuendo a due particolari categorie di cani l’etichetta di “potenzialmente pericolose”.

  • La prima categoria canina è quella dei cosiddetti cani d’attacco, attribuita a tre razze in particolare: Pit Bull, Boerboels e ai cani riconducibili, per caratteristiche morfologiche, alla razza Tosa;
  • Alla seconda categoria appartengono i cani da difesa e da guardia, gli American Staffordshire terrier e i Rottweiler.

L’accesso in territorio francese ai cani appartenenti alla prima categoria è vietato. Ogni violazione è punibile con 6 mesi di carcere e 15 mila euro di multa.

Per i cani che rientrano nella seconda categoria, invece, è necessario che il padrone presenti alla dogana i certificati della linea genealogica e di nascita, così da attestare l’appartenenza dell’animale alla categoria in questione e assicurare la responsabilità civile per il proprio amico a quattro zampe.

C’è altro, il cosiddetto ‘Permis de détention’, un documento rilasciato solo ed esclusivamente da un veterinario francese solo dopo aver eseguito un esame comportamentale e una verifica della capacità del proprietario di saperlo gestire.

L’ultimo punto del regolamento prevede che i cani della seconda categoria indossino la museruola e siano accompagnati al guinzaglio da una persona maggiorenne. Questo vale in strada e nelle aree comuni di palazzine comuni.

Francia con il cane? Perchè no!

Divieti, regole, norme, multe.. ma possiamo andare in vacanza in Francia con il cane?

Regolamentazione sotto controllo e documenti alla mano: la belle France è pronta ad accoglierti. Parliamo di un Paese gettonatissimo per le vacanze con i cani, scelto da tanti turisti che optano per una vacanza tranquilla e senza troppi pensieri, in compagnia del loro amico a quattro zampe.

Le strutture di ricezione turistica quasi sempre accolgono gli animali domestici, quindi è piuttosto facile trovare una sistemazione adatta anche al tuo piccolo o grande compagno di viaggio. Lo stesso vale per ristoranti, bar e brasseries: troverai la ciotola dell’acqua pronta per il tuo cane senza il bisogno di chiederla più spesso di quanto credi!

Per non parlare delle zone verdi: è rarissimo vedere un parco senza nessun cane che gioca felice sull’erba.

Portare il cane in Francia: treno o aereo?

L’importante è partire organizzati e pianificare ogni minimo dettaglio, dagli spostamenti alle visite. Decidere in quale modo arrivare, quali trasporti pubblici utilizzare e quali attrazioni visitare, dai musei fino ai monumenti, è importantissimo per evitare di trovarsi impreparati.

Viaggiare in aereo è un’alternativa comoda e sicuramente possibile. Sono diverse le compagnie aeree che permettono l’imbarco di animali domestici, sempre rispettando regole e restrizioni. In generale, è più facile portare con sé cani piccoli piuttosto che animali di taglia più grande, perché i nostri amici più piccoli potranno viaggiare comodamente nei trasportini accanti a noi.

Il discorso è diverso per il treno: qui gli animali al di sotto dei 6 kg sono ammessi, previo pagamento del biglietto e a patto che siano tenuti in un trasportino (o in una borsa), richiudibile e le cui misure non superino i 45x30x25 cm. I cani più grandi devono viaggiare sul pavimento con la museruola indossata e per loro il biglietto vale il 50% della tariffa di 2° o 1° classe, a seconda dell’opzione scelta. Scegliere le vacanze in Francia con il cane significa aprirsi alla possibilità di portare il proprio amico a quattro zampe a divertirsi tra i grandi giardini del Louvre di Parigi o nelle aree verdi che circondano i castelli della Loira, tra gli affascinanti campi di Lavanda in Provenza o sulle bellissime spiagge della Normandia ovviamente dog friendly. Proprio questo paese collocato a nord ovest dell’Italia, infatti, ti accoglierà con splendidi paesaggi e scorci di natura, tutti differenti tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto